LifestyleTorino

Dopo dieci anni, torna il museo di Scienze Naturali di Torino: riapre il 12 gennaio 2024

Whatsapp Segui NDW anche dal nostro nuovo CANALE WHATSAPP SEGUICI

Dopo una chiusura di oltre 10 anni, il Museo di Scienze Naturali di Torino aprirà finalmente le sue porte il 12 gennaio 2024

Il 12 gennaio, il Museo di Scienze Naturali di Torino aprirà finalmente le sue porte dopo una lunga chiusura decennale. L’evento segna il ritorno dell’elefante Fritz, simbolo del museo, in città, dopo un viaggio che inizierà da Stupinigi. Ai piedi dell’imponente elefante, ci sarà un QR code che aprirà le porte a un mondo di novità, tra cui il calendario di riapertura e il programma completo della maratona di talkshow denominata “Porte aperte alla scienza”, prevista dal 12 gennaio al 2 febbraio. Questo evento è stato organizzato dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione Circolo dei Lettori.

Il presidente della Regione, Alberto Cirio, insieme agli assessori alla Cultura, Vittoria Poggio, e al Patrimonio, Andrea Tronzano, hanno sottolineato l’importanza di questo evento per il Piemonte. “Il 2024 si apre con la rinascita di uno dei luoghi più iconici della nostra regione. Quando abbiamo assunto le nostre cariche, il Museo era chiuso e i lavori erano fermi. Abbiamo reattivato il cantiere e trovato le risorse necessarie per finanziare i lavori, ponendo fine a una lunga attesa da parte della comunità piemontese”.

Il Museo Regionale di Scienze Naturali era stato chiuso a seguito di un devastante incendio nel mese di agosto del 2013. Questo museo gode di una reputazione di livello nazionale grazie alle sue collezioni di inestimabile valore, risalenti alla prima metà dell’Ottocento. La Regione ha investito oltre 8,3 milioni di euro per il restauro, che ha compreso l’adeguamento degli impianti di sicurezza e l’acquisto di nuovi arredi, con la maggior parte dei fondi stanziati a partire dal 2020.

Informazioni utili

L’inaugurazione ufficiale avverrà il venerdì 12 gennaio alle 18, con un talk condotto dalla biologa marina Mariasole Bianco dal titolo “Pianeta oceano: la nostra esistenza dipende dal mare e il futuro del mare dipende da noi”. Il sabato successivo, il 13 gennaio alle 11, il Museo festeggerà il primo weekend di riapertura con uno spettacolo presentato da Giovanni Muciaccia. Nei tre venerdì successivi, il 19 e 26 gennaio e il 2 febbraio, ‘Porte aperte alla scienza’ continuerà con una serie di interventi su scienza e arte curati da Luca Beatrice.

La partecipazione a questi eventi è possibile solo su prenotazione, attraverso le pagine dedicate:

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Martina Livelli

Classe 1987, scorpione ascendente acquario e amante dei gatti. Oggi abito a Torino, ma vengo dalla provincia cuneese, quella che l’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Mi piacciono poi i libri, le piante, le foto, il vintage, le cose vecchie che si trovano nei mercatini e i posti sinceri come i ristoranti con le tovaglie a quadretti rossi. Scrivo per il NOTIZIARIO DEL WEB dal 2022.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio

Disabilita il blocco della pubblicità

Senza la pubblicità questo sito non potrebbe esistere.

Gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito sono sicuri al 100% e non sono invasivi.

☕ OFFRICI UN CAFFE' 💙

Per proseguire ti invitiamo a disabilitare il tuo AdBlocker o ad inserire "Notiziario Del Web" in White List.