Curiosità

Guido Gozzano, ambasciatore di Torino nella poesia crepuscolare

Whatsapp Segui NDW anche dal nostro nuovo CANALE WHATSAPP SEGUICI

La storia di Guido Gozzano, famoso per la sua poesia intrisa di malinconia e ironia, e per il suo amore per Torino

Guido Gozzano, celebre esponente della corrente poetica crepuscolare, è una figura emblematica della letteratura torinese. Nato il 19 dicembre 1883 in Via Bertolotti 2 a Torino, Guido ha trascorso la sua adolescenza tra la città e la villa di famiglia ad Agliè. Il nonno Carlo, medico durante la Guerra di Crimea e appassionato di letteratura, e il padre Fausto, ingegnere costruttore della rete ferroviaria nel Canavese, hanno contribuito a formare il contesto culturale e sociale in cui è cresciuto.

Diodata Mautino, madre di Guido e figlia di un ricco senatore terriero, apportò un’ulteriore dimensione culturale alla famiglia. Riuscì a trasmettere al figlio l’amore per l’arte e il teatro. La famiglia Gozzano, con la sua complessa storia e i suoi interessi vari, ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo intellettuale e creativo del poeta.

Nonostante un percorso scolastico turbolento, che lo vide bocciato al Liceo Classico Cavour e poi trasferito a un collegio a Chivasso, Guido Gozzano non perse il suo interesse per la letteratura e la poesia. Dopo la morte del padre nel 1900, iniziò a dedicarsi più seriamente alla scrittura, pubblicando la sua prima poesia “Primavere romantiche” in memoria del genitore.

Nel suo periodo universitario trascorse una vita goliardica tra i bar di Torino, dove si distinse per il suo spirito vivace e ironico. Tuttavia, fu anche un periodo di formazione intellettuale. Approfondì lo studio di Nietzsche, Schopenhauer e della letteratura francese e belga, sotto l’influenza di figure come Arturo Graf.

L’ascesa letteraria di Guido Gozzano e il suo contributo alla poesia crepuscolare

Gozzano, laureatosi in legge, si avvicinò sempre più alla poesia crepuscolare, distanziandosi dall’estetismo dannunziano. Il suo stile si caratterizzò per una malinconia profonda, ma sempre temperata da un’ironia dissacrante. Nel 1911, pubblicò “I Colloqui“, opera che lo consacrò come uno dei principali esponenti della corrente poetica crepuscolare italiana.

Il deteriorarsi della sua salute lo portò a intraprendere lunghi viaggi in cerca di climi più miti. Fu proprio durante uno di questi viaggi, in India nel 1912, che Gozzano trovò l’ispirazione per alcuni dei suoi versi più significativi, sebbene molti di essi venissero poi distrutti dallo stesso poeta. Il suo viaggio in India, pur non portandogli i benefici sperati per la salute, fu un momento di intensa creatività e riflessione.

Un poeta tra malinconia e ironia

Gozzano morì giovanissimo, a soli 32 anni, il 9 agosto 1916 a Genova. La sua breve, ma intensa vita è stata segnata da un profondo amore per Torino, la sua città natale, e da un costante dialogo con la malinconia, elemento centrale della sua poetica. Gozzano lascia un’eredità di opere che riflettono una profonda introspezione. Un’esplorazione del senso della vita e della fragilità dell’esistenza umana, sempre con una vena di ironia che alleggerisce il tono malinconico.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Sorgente
Wikipedia

Redazione

Notiziario del Web. Una piccola realtà nel mondo dell'informazione: il nostro obiettivo è la trasparenza dei contenuti e l'equilibrio. Seguici anche sui social!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio

Disabilita il blocco della pubblicità

Senza la pubblicità questo sito non potrebbe esistere.

Gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito sono sicuri al 100% e non sono invasivi.

☕ OFFRICI UN CAFFE' 💙

Per proseguire ti invitiamo a disabilitare il tuo AdBlocker o ad inserire "Notiziario Del Web" in White List.