LifestylePiemonte

Squid Game Torino: come sarebbero i giochi ambientati in Piemonte?

Avete mai pensato a come sarebbero i giochi della serie di successo di “Squid Game” se fossero ambientati a Torino?

In questi giorni sta circolando sui social la foto del Toh di Torino ambientato nel mondo di Squid Game. Nell’immagine la scultura sostituisce la bambola robot della serie Netflix protagonista dell’episodio “Un, due, tre, stella”. Ovviamente si tratta di un’illustrazione ironica, ma che fa pensare: come sarebbero i giochi di Squid Game se fossero ambientati in Piemonte? Scopriamo l’ipotetico scenario nel dettaglio.

Disegnare sul Bönet senza farlo sciogliere

Prendendo ispirazione dalla terza puntata della prima stagione di Squid Game, probabilmente un giocatore di Torino si ritroverebbe a dover decorare un dolce tipico piemontese come il Bönet. Per chi non ha ancora visto l’episodio, ecco una breve spiegazione senza troppi spoiler: i giocatori di Squid Game avranno a che fare con una prova “culinaria” durante la quale dovranno maneggiare dei dolcetti tipici della cultura sudcoreana (a proposito, curiosi di sapere la ricetta? Ne abbiamo parlato in questo articolo). La sfida: incidere la forma di un ombrello sul Bönet senza romperlo, né farlo sciogliere.

Squid Game Torino: come sarebbero i giochi ambientati in Piemonte?
Immagine da: Wikimedia

Squid Game a Torino: i giochi tipici del Piemonte

Ruzzole

Tipico gioco della zona di Meana di Susa e Mattie, in provincia di Torino, le ruzzole potrebbero essere la sfida perfetta per gli Squid Game. Le regole: si lancia facendo rotolare il più lontano possibile un oggetto a forma di disco di dimensioni varie.

Pallapugno

Storico gioco radicato nel Basso Piemonte, la pallapugno prevede squadre da quattro giocatori (un battitore, un centrale e due terzini) ed ha un punteggio simile al tennis. I giocatori proteggono il pugno con una fasciatura e lo scopo del gioco è quello di lanciare la palla il più possibile vicino alla linea del campo avversario o – meglio – oltre la stessa per segnare un “intra”, un “fuori campo” che vale 15 punti. Nel caso in cui la palla dovesse finire oltre il muro d’appoggio o al di là della linea laterale si ottiene un fallo, e sarà la squadra avversaria a guadagnare un quindici.

Pallatamburello

Si tratta di un gioco molto antico. Alcuni documenti parlano di giochi con la palla colpita con attrezzi in cartapecora e telaio in legno già nel periodo compreso tra ‘600 e ‘700. Ad ogni modo, la Federazione Ginnastica d’Italia riconosce il tamburello dal 1890. Una sfida perfetta per gli Squid Game piemontesi, dato che si tratta di un gioco così antico da aver dato il nome ad uno dei rioni storici di Torino, il Balon. In sostanza si tratta di un gioco di squadra che prevede una palla e un tamburello con cui colpirla. Le squadre sono composte da 9 giocatori, di cui 5 in campo e 4 in panchina. In campo ci sono due terzini, un centrocampista, un battitore e un rimettitore. Lo scopo del gioco è quello di mandare la palla nel campo avversario tramite il tamburello, al volo o con un rimbalzo.

Via
Regione Piemonte
Continua a leggere

Redazione

Notiziario del Web. Una piccola realtà nel mondo dell'informazione: il nostro obiettivo è la trasparenza dei contenuti e l'equilibrio. Seguici anche sui social!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Disabilita il blocco della pubblicità

Gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito sono sicuri al 100% e non sono invasivi... Perché vuoi bloccarli? Senza la pubblicità questo sito non potrebbe esistere. Per proseguire ti invitiamo a disabilitare il tuo AdBlocker o ad inserire "Notiziario Del Web" in White List.