ItaliaTorino

Quando il Piemonte diventerà zona gialla?

Quando il Piemonte diventerà zona gialla? 
Lo scorso 29 novembre il Piemonte è passato dalla ZONA ROSSA alla ZOA ARANCIONE, ma quando si arriverà alla ZONA GIALLA?

Nella giornata di ieri 4 dicembre 2020, il consigliere regionale del Piemonte Paolo Bongioanni ha dichiarato una possibile data per l’ingresso del Piemonte nella cosiddetta zona gialla. La sera stessa intanto è stato annunciato dal premier Conte il DPCM. Uno dei punti più discussi e attesi del nuovo Dpcm del 4 dicembre 2020 riguarda esattamente gli spostamenti tra regioni nel periodo di Natale.
Il nuovo Dpcm è in Gazzetta Ufficiale ed è quindi in vigore da oggi con le norme che regolamenteranno i cittadini italiani per le prossime settimane. Molti i cittadini piemontesi (e non) che protestano per queste imposizioni che comprendono il periodo di Natale e Capodanno.

Il Piemonte potrebbe pertanto diventare zona gialla già dal 13 dicembre. Il tutto chiaramente se gli indicatori del contagio continueranno a scendere e non ci saranno aumenti imprevisti, cosa difficile visto l’RI abbondantemente sotto l’1.

Cosa cambia dalla zona arancione alla zona gialla? Ecco qui di seguito trovate le principali regole previste dal Dpcm per la zona gialla.

Le regole per la zona gialla previste dal Dpcm

  • Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Raccomandazione di non spostarsi se non per motivi di salute, lavoro, studio, situazioni di necessità.
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.
  • Chiusura di musei e mostre.
  • Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie. Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori.
  • Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.
  • Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.
  • Chiusura di bar e ristoranti alle ore 18. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
  • Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Restano aperti i centri sportivi.

Spostamenti tra regioni dal 4 al 20 dicembre 2020 e dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021.

Da oggi e fino al 20 dicembre 2020 è possibile dalla propria regione se quest’ultima si trova in zona gialla esclusivamente per andare in un’altra regione sempre in fascia gialla.
Invece è possibile effettuare degli spostamenti da e per le regioni che si trovano in zona rossa o in zona arancione solo per “comprovate esigenze” di tipo lavorativo, salute e d’urgenza. Tra i motivi di urgenza c’è quello di assistenza a una persona non autosufficiente.

Nel periodo natalizio. le cose sono diverse e stringenti Dal 21 dicembre al 6 gennaio 2021 è vietato spostarsi tra le regioni. Questo vale per qualsiasi fascia di rischio.

Rimane la possibilità di spostarsi, sempre per le solite “comprovate esigenze”, ma “è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione“.
Chi si trova in una regione diversa da quella dove abita, dove è domiciliato o dove vive la sua famiglia, può tornare anche in questo periodo potendo poi fare ritorno nella regione dove lavora o studia.

Continua a leggere

Redazione

Notiziario del Web. Una piccola realtà nel mondo dell'informazione: il nostro obiettivo è la trasparenza dei contenuti e l'equilibrio. Seguici anche sui social!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disabilita il blocco della pubblicità

Gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito sono sicuri al 100% e non sono invasivi... Perché vuoi bloccarli? Senza la pubblicità questo sito non potrebbe esistere. Per proseguire ti invitiamo a disabilitare il tuo AdBlocker o ad inserire "Notiziario Del Web" in White List.