fbpx
0

La ricerca della bellezza ha ormai raggiunto il livello “ossessivo”.

Il benessere è al centro di tutto. Viviamo in una società in cui la ricerca della bellezza è finalizzata ad essere postata sui social per ricevere quei 15 secondi di notorietà (se va bene).

I centri benessere sono la fase preparativa. All’inizio gli unici che potevano godere di questi trattamenti erano i più facoltosi, non solo per il costo, ma anche perché pochi comuni mortali si possono concedere il lusso di trascorrere giornate intere in cure di bellezza.

Solo con l’apertura dei centri benessere a tutte le tasche le cose hanno preso una piega davvero inaspettata: non solo donne, ma anche gli uomini sono diventati assidui frequentatori di questi centri. Siamo di fronte ad un narcisismo legato alla volontà di mostrare ciò che per la maggior parte delle volte non siamo.

La novità al vapore

L’ultimo trend femminile arriva in questi giorni dagli Stati Uniti ed è incentrato al benessere (forse fin troppo esagerato) dell’intimo femminile.

In questi nuovi centri benessere le donne si sottopongono ad una serie di trattamenti che hanno lo scopo di mantenere “giovane e bella” quella zona.

L’ideatrice di questo nuovo trend statunitense è Cindy Barshop.

Cindy Barshop
Cindy Barshop

Cindy è una donna di 54 anni, madre di due bambini, e un paio di anni fa ha dato il via al VSPOT Medi Spa. Presso il VSPOT il benessere è indirizzato solo ed esclusivamente all’intimo. Viene trattata, curata e coccolata: una vera e propria libidine per “l’amica del piano inferiore”.

Una delle clienti più soddisfatte è Gwyneth Paltrow che si è detta entusiasta, tra le altre cose, di una delle cure estetiche più popolari del centro: il cosiddetto “V-Steam“. Potete immaginare chiaramente cosa sia: consiste in una cura a base di vapori aromatici che vengono insufflati esattamente… lì. Si usa un mix di varie erbe, tra le quali calendula, basilico, artemisia, estratto di assenzio e petali di rosa. Il vapore distende e ringiovanisce il tessuto epiteliale migliorando così non solo il benessere della donna ma anche quello della flora intima.

I benefici vanno da una diminuzione dei cattivi odori dati da eventuali funghi o infezioni, fino a orgasmi più intensi e profondi.

Un gran numero di ginecologi ha però abbassato l’entusiasmo di molte donne pronte per il trattamento: secondo la dottoressa Vanessa Mackay, del Royal College degli Ostetrici e Ginecologi, il V-Steam potrebbe presentare degli effetti collaterali.

laser benessere intimo
Laser intimo

Le donne, nella loro zona intima, hanno un equilibrio molto delicato e una capacità di auto igienizzarsi. Il vapore potrebbe uccidere parte di quella flora batterica positiva che protegge la crescita di batteri saprofiti causando l’insorgenza di infezioni.

La Barshop, dal canto suo, afferma che i trattamenti nelle sue Spa sono eseguiti solo da professionisti e senza controindicazioni per le clienti.

Oltre al V-Steam sono molte altre le proposte: dalla ceretta usando l’oro “che illumina la pelle” alle iniezioni di piastrine sul clitoride per migliorare la vita sessuale.

L’attività va a gonfie vele. Dopo i centri aperti in America l’imprenditrice ha annunciato l’apertura di un centro a Londra, vicino Harrods. In seguito un altro centro verrà inaugurato a Dubai.

Non sono resi noti i costi dei vari trattamenti, ad esclusione del V-Steam che costa un centinaio di dollari (una novantina di euro). Il listino prezzi è blindatissimo, il che fa ipotizzare che la vagina Spa non sia esattamente alla portata di tutti. E forse è meglio che rimanga per pochi visto che non si conoscono i risvolti negativi del vapore intimo.


Like it? Share with your friends!

0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi